Sviluppo locale e partecipazione

Il coinvolgimento delle comunità attraverso la cosiddetta “animazione territoriale” è un’attività strettamente collegata ad obiettivi di rilancio e sviluppo locale. Su questo filone, a partire dal 2014, ho partecipato attivamente allo sviluppo di numerosi progetti localizzati in diversi ambiti territoriali, lavorando a stretto contatto con differenti gruppi di professionisti e scoprendo comunità e contesti idealmente anche molto distanti fra loro per caratteristiche, peculiarità e risorse.

INTEGRA: Il Cluster Cultura della Città di Palermo (2017)
Incontro di ascolto e partecipazione per la definizione del Progetto integrato

Il contesto culturale di Palermo, costituisce un insieme di poli e iniziative in grande fermento, spesso però fin troppo scollegate e frammentate. INTEGRA è uno dei 19 progetti selezionati nel 2016 in seguito all’Avviso Pubblico del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo a valere su risorse del Piano di Azione Coesione 2007-2013 “Interventi per la valorizzazione delle aree di attrazione culturale” Linea di Azione 2 “Progettazione per la cultura”. L’iniziativa è stata finalizzata a realizzare un Progetto Integrato per la valorizzazione del patrimonio culturale della Città di Palermo unendo elementi materiali e immateriali, risorse locali e associative costruendo una visione condivisa di sviluppo su base culturale. Il prodotto è stato redatto a partire da un percorso di analisi, un processo di partecipazione e l’elaborazione di una strategia, giungendo a linee di azione e possibili canali di finanziamento, per innescare un rinnovato “Cluster culturale” per la città di Palermo. Il progetto ha visto l’organizzazione di eventi di partecipazione, la raccolta di proposte e suggerimenti, l’analisi delle risorse locali e il confronto con l’amministrazione comunale; il tutto ha poi permesso di costruire il Progetto Integrato per la valorizzazione culturale.

Le iniziative sono state sviluppate all’interno della Terrana Architetti & Associati, in stretta sinergia con il gruppo di lavoro di I WORLD.

Nel dettaglio ho svolto:

  • Analisi ed elaborazione del processo di partecipazione e dei contributi degli stakeholders;
  • Analisi delle esperienze di pianificazione territoriale sperimentate e in corso d’opera nella città di Palermo;
  • Analisi delle caratteristiche socio-economiche, dell’economia del turismo e delle risorse territoriali;
  • Analisi della programmazione 2014-2020;
  • Analisi SWOT territoriale;
  • Collaborazione alla definizione del Progetto Integrato;
Jato Spazio Idee (2015-2017)

Il territorio della Valle dello Jato, fra i Comuni di San Giuseppe Jato e San Cipirello, costituisce un ambito connotato da una forte ambizione di riscatto da un’etichetta “mafiosa” attribuita ormai da decenni. Su questa idea fondamentale di riappropriazione e ridefinizione dell’identità locale, è nato e si è sviluppato il progetto “Centro di coordinamento e di progettazione come spazio della democrazia e della legalità: Jato Spazio Idee”, finanziato nell’ambito del Piano Azione Coesione “Giovani no profit” dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri. Attraverso un fitto programma di iniziative e attività, è stato attivato un percorso con la comunità che ha visto lo sviluppo di laboratori, workshop, sportelli di ascolto, eventi per la promozione della legalità, la valorizzazione dei beni confiscati alla mafia e la promozione di un coordinamento permanente fra cittadini, associazioni e istituzioni. L’approccio condotto ha adottato metodi di progettazione partecipata (planning for real, co-progettazione), la promozione di una governance multilivello, l’utilizzo di una comunicazione innovativa (web e social), e la condivisione di strumenti e competenze per l’attivazione dello sviluppo locale e l’innovazione sociale. Fra i principali prodotti del percorso, vi sono stati la redazione di un’Agenda partecipata di Sviluppo locale, l’avvio del Tavolo di Coordinamento delle Associazioni Jatine e l’attivazione del Festival delle Associazioni Jatine, prodotto concreto di cooperazione e creatività condivisa. Il progetto è riuscito così a coinvolgere oltre 300 giovani e oltre 20 Associazioni del territorio, con migliaia di partecipanti al Festival conclusivo, stimolando la comunità e mostrando alla cittadinanza il ruolo creativo della progettazione partecipata.

All’interno del gruppo di lavoro, ho svolto il ruolo di “Educatore, Coordinatore dei laboratori di progettazione partecipata e Responsabile della Comunicazione”, svolgendo così un insieme di attività trasversali e integrate.

Nel dettaglio ho svolto:

  • Progettazione e coordinamento dei laboratori di progettazione partecipata;
  • Collaborazione al management generale e gestione del gruppo di lavoro;
  • Collaborazione alle attività di monitoraggio e valutazione;
  • Gestione del piano di comunicazione (web, social media, gestione grafica, ideazione logo);
  • Organizzazione e gestione eventi e incontri
  • Gestione gruppi di lavoro e attività di progettazione partecipata (facilitazione, animazione territoriale, management focus group);
  • Gestione relazioni esterne e promozione;
  • Progettazione e realizzazione documenti ed elaborati di sintesi;
Partecipa Proponi Condividi (2014)

Le comunità locali sono nucleo attivo e creativo del territorio e il loro coinvolgimento è parte integrante e fondamentale per progetti di sviluppo locale. “Partecipa Proponi Condividi” nasce come iniziativa di progettazione partecipata sviluppata in tre diversi contesti siciliani in collaborazione con associazioni del territorio. Il progetto ha avuto come obiettivo principale la promozione del ruolo creativo della comunità per la pianificazione urbana, così da indirizzare le scelte politiche e assumere maggiore consapevolezza di quanto la cittadinanza attiva può realmente animare nel territorio.

Il primo appuntamento si è svolto a Sferracavallo, borgata marinara di Palermo. Qui l’attivazione di comunità è iniziata attraverso la tecnica del “planning for real”; un plastico in cui i cittadini riconoscono il proprio quartiere e attraverso delle bandierine inseriscono le modifiche che vorrebbero apportare. L’attività è stata svolta in due fasi: prima con i bambini della vicina scuola elementare e poi successivamente con l’intera comunità. Le “idee-proposte” sono state in seguito discusse in appositi gruppi tematici per poi confluire in un documento complessivo. I risultati del processo, sono stati discussi e condivisi mediante un convegno che ha visto partecipare anche esperti, tecnici e rappresentanti delle istituzioni e della comunità locale. Questo documento complessivo è stato poi consegnato ai rappresentanti della Circoscrizione locale, così da poter diventare documento di indirizzo per le future programmazioni politiche.

Nei mesi seguenti, gli input lanciati, sono stati nuovamente oggetto di un Open Space Technology, focus group sui principali temi venuti fuori. Grazie al coinvolgimento della parrocchia locale, punto di riferimento per la comunità, si è poi deciso di intervenire in uno degli spazi cardine della borgata, ovvero Piazza Beccadelli. Qui, con il coinvolgimento dei bambini, è stato realizzando un murales con il fine di riqualificare e riconsegnare alla comunità uno spazio centrale del contesto urbano.

Ad Aspra, borgo marinaro di Bagheria in Provincia di Palermo, sono stati condotti, insieme a diverse associazioni e realtà locali, dei gruppi di lavoro per focalizzare i bisogni cardine della comunità. Anche qui la tecnica del Planning for real è riuscita ad animare la cittadinanza, creando così una matrice di proposte confluite in un documento condiviso con le istituzioni comunali.

A Falcone, comune in provincia di Messina, il planning for real è stato accompagnato da approfondimenti progettuali su tavoli di lavoro. I risultati di questo processo, hanno popolato un documento discusso in un seminario pubblico e presentato alla cittadinanza e le istituzioni.

Le iniziative sono state sviluppate dal gruppo Urban Creativity (composto da Francesco Gravanti, Pietro Sardina, Maria Teresa Pollara, Elisabetta Costantino, Adriano Rao, Vito Angelo, Francesca Montagna) e l’Associazione Città in Rete in stretta sinergia con Associazioni e Comitati locali

Nel dettaglio ho svolto:

  • Ideazione e gestione degli eventi;
  • Project management;
  • Facilitazione per la progettazione partecipata;
  • Predisposizione elaborati grafici di base, documentazione tecnica e amministrativa;